La pratica dell’analisi

Nel mio metodo per l’analisi del software, vi ho parlato del lato più romantico dell’analisi: non mancano però i lati pratici e tecnici che renderanno la vostra analisi precisa, fino a consentire una progettazione pragmatica del software e a portare chiarezza in ogni fase analitica e progettuale. La pratica dell’analisi è mutata parecchio con gli anni, dal metodo a cascata fino all’agile development.

Io sono contrario alla navigazione a vista e preferisco che l’analisi sia un testo sempre presente in tutto il ciclo di sviluppo del software, un documento compiuto ma allo stesso tempo non dogmatico che consenta di tenere il timone dritto fino alla consegna di ogni fase.

LEGGI TUTTO …

Il mio metodo per l’analisi del software.

Un giorno, facendo quattro chiacchiere con un amico, “Analista Programmatore” della vecchia guardia,  è scoppiato nella mia testa una specie di A/B testing oltretutto nato dalla coincidenza di aver avuto alcuni clienti in comune per delle consulenze.

Le analisi software del mio amico sono tecnicamente perfette: un team di sviluppo può prenderle in mano e iniziare a lavorare in tempo zero. Ma spesso i suoi progetti non arrivano a questo step e finiscono nel dimenticatoio aziendale.

Leggi tutto

Telesiculissimi

Il 20 Dicembre 2018 ho avuto la piacevole esperienza di essere in TV, al talk show Telesiculissimi condotto da Ruggero Sardo.
Condivido qui il video, e ringrazio ancora Manuela Santonocita che mi ha invitato a partecipare alla trasmissione.

La guerra di Gutenberg

In questi giorni è scoppiata una vera e propria guerra di religione contro Gutenberg, il nuovo editor a blocchi di WordPress 5.0.

Chi minaccia di non aggiornare mai più, chi dice che accadrà l’apocalisse, che i temi esploderanno,  roba che in confronto la paura del Millenium Bug del passato sembra un nonnulla.

Leggi tutto

L’orologio

Formalmente la pianificazione dei tempi non fa necessariamente parte dell’analisi del software: alcuni analisti, ben sapendo la variabilità di simili previsioni, demandano il tutto al Project Manager che seguirà il progetto in futuro.

Io ho sempre trovato che una stima di massima vada comunque data al cliente che deve essere preparato a quello a cui va incontro. Il cliente non è necessariamente un informatico e non deve sapere nulla di come funziona il lavoro: se non gli diamo almeno una stima dei tempi e dei costi potrebbe sottostimarli e buttarsi in un progetto che non è in grado di affrontare.

Leggi tutto