La proprietà intellettuale

L’Italia è un paese d’inventori, ma siamo appena decimi nella classifica mondiale: certo un bel piazzamento, ma vista la reputazione fin dai tempi di Leonardo Da Vinci, possiamo fare di meglio.

Chi mi segue è spesso uno “startupparo” della prima ora o recente, o un architetto del software.

Nella nostra categoria di aziende la proprietà intellettuale è uno dei fattori importanti da gestire: se facciamo innovazione, nella pratica, dobbiamo anche dimostrare in un certo senso, che questa innovazione c’è, è tangibile, è diventata un brevetto.

Come in molte attività umane, spesso ci si fascia la testa prima di averla rotta: si pensa che se non sei Nikola Tesla o Edison o Marconi, non hai diritto di brevettare nulla.

Non è così, e i brevetti spesso sono solo delle noiose descrizioni del processo industriale che l’azienda ha depositato come innovativo.

Leggi tutto

Il mostro della DAD

Ieri il ministro dell’istruzione tutto tronfio ha detto che non ci sarà più bisogno della Didattica a Distanza, che le scuole d’ora in poi resteranno sempre aperte.

La DAD è stato uno degli incubi della pandemia, strutture informatiche scolastiche e casalinghe del tutto insufficienti, nessun metodo didattico ad hoc, spazi in casa affollati e rumorosi.

L’emergenza è stata gestita un po’ come si poteva, con le competenze disponibili, tranne pochi casi, la lezione frontale classica è passata alla videocall, senza grossi interventi

Si è quindi reso remoto ciò che non poteva esserlo, senza studiare un metodo valido per la Didattica a Distanza.

Si è, secondo me, persa una grande occasione: quella di insegnare a tutta la popolazione di studenti, il metodo agile.

Leggi tutto