VSCODE sul browser

Per chi come me affronta periodi di nomadismo digitale, tutti i tools di sviluppo che possono essere utili allo scopo, ed altri per altri compiti, stanno anche sul mio iPad Pro.

Ne ho scritto lo scorso 10 Ottobre: Lavorare con iPad Pro

Vscode è una grossa mancanza, e l’unica alternativa per averlo ad ogni costo su iPad, è metterlo su una macchina virtuale e usarlo in remoto.

In questi giorni è uscito Vscode.dev: una versione di Vscode totalmente basata sul browser.

Migliora un po’ le cose ma ancora non ci siamo del tutto.

Leggi tutto

No code e RAD

Quando iniziai a programmare, la documentazione come esiste ora era fantascienza.

I linguaggi si studiavano sui libri, nel caso degli home computer mancavano gli strumenti e bisognava perfino realizzarseli da soli.

Il mio primo codice assembler del 6502 fu scritto su un assemblatore scritto in basic Apple da me, perché non riuscivo ad acquistare una copia di Merlin.

In quel periodo pionieristico lo sviluppo software era eroico: ma tutti credevamo che sarebbe durato poco, che sarebbero venuti fuori sistemi per programmare senza codice, accessibili a tutti: “è un lavoro che non può durare”.

Leggi tutto