pexels-photo-4101143

La differenza tra consulenza e consiglio.

Sarà capitato anche a voi: qualcuno vi chiede se potete dargli un consiglio, e allega:

  • Business plan
  • Pitch aziendale di 240 minuti
  • 15 pagg. di domande scritte fitte.
  • Relazione sul team e sullo stato dei lavori: un libro

Naturalmente ho esagerato, per rendere evidente che costui cerca di estorcervi una consulenza gratis.

In questo caso come comportarsi?

Primo: mantenete la calma, mandare a quel paese gli scrocconi è una cosa che viene piuttosto naturale, ma non è professionale.

Di recente, queste cose capitano periodicamente, ho risposto ad una mail simile formalizzando questa proposta:

“Gent.mo Signor Scrocconi, (il nome è di fantasia), la ringrazio per la sua mail. Ritengo opportuna una call conoscitiva del progetto in cui potrà illustrarmi il materiale allegato, mi faccia sapere quando le è gradita: il costo di questa prima fase sarà di 200 sesterzi (da sostituire con il vostro compenso orario) che può inviare anticipatamente alle coordinate in calce”

Distinti saluti etc. etc.

Molto probabilmente non riceverete risposta dal Sig.Scrocconi, ma, qualora decidesse di lavorare con voi, lo farebbe nel rispetto professionale reciproco.

Mettete sempre avanti la vostra professionalità e la vostra dignità e non avrete mai clienti problematici.

E voi come vi comportate davanti a simili richieste?

Lascia un commento