pexels-photo-5945644

Innovazione e aspettative

Una azienda da cui, da sempre, ci si aspetta una innovazione “disruptive” è APPLE.

La società di Cupertino ha cambiato il mondo varie volte, e di conseguenza ci ha abituati male:

  • Ha portato gli Home Computer nelle nostre case
  • Ha messo sul mercato la prima interfaccia grafica Desktop
  • Ha rivoluzionato il modo di ascoltare la musica con l’iPod
  • Ha disintegrato il mercato della telefonia con l’iPhone

Da allora le innovazioni si sono fatte meno esaltanti, ed alcuni fan delusi, ed i soliti detrattori, hanno detto che “APPLE non innova più”.

Non voglio in questo articolo sostenere le mie tesi da fanboy, benché questo vi polarizzerebbe con un sacco di reach per questo mio articolo, ma voglio puntare l’indice su un problema del pianeta, e su uno sforzo di innovazione che è concreto.

Entro nello specifico solo con una questione, una tra le tante di cui Apple stessa parla nel suo report Envinromental Progress Report i processori:

I processori per computer sono da tempo sempre gli stessi, la concorrenza è minima, la tecnologia di base la stessa, la ricerca delle prestazioni basata sul clock, i consumi sempre più elevati.

Apple presentando il processore M1 ha fatto innovazione, ma non tecnologica come sembra a prima vista: Apple ha fatto innovazione ambientale.

L’utilizzo di processori su milioni di computer e dispositivi in tutto il mondo, con consumi inferiori alla metà rispetto ai precedenti, rappresenta per il mondo una colossale boccata d’aria.

Nessuno di noi rinuncerà alla tecnologia per l’ambiente: facciamocene una ragione. Riuscire su larga scala a risparmiare tanta energia, è innovazione. Innovazione fatta bene e che meriterebbe un posto nell’altisonante lista dell’inizio di questo articolo.

Come tutte le aziende, ci sono scheletri nell’armadio e problemi reali, ma questa mossa di Apple, non può che essere lodata.

Lascia un commento