img_0214

Cinque anni

Oggi è il mio quinto anniversario di matrimonio: che c’entra questo con un blog di processi, startup ed Intelligenza Artificiale, vi chiederete voi, ma è il mio blog personale e perciò parla sopratutto di me e di come la penso io.

Cinque anni fa, dicevo, Antonella ed io ci siamo sposati.

Lei ha reso il terremoto transitivo. Lei terremota la mia esistenza noiosa ogni giorno. Non credo che esista sul pianeta una persona più socievole e vitale di lei: immaginatevi il cartone animato di Masha e Orso, dovrebbe rendervi le nostre differenze.

Io per natura sono schivo, abbastanza asociale, legato più ai computer che alle persone. La nostra unione non poteva che scatenare in me dei cambiamenti.

Appena sposato, mentre pensavo a sistemare la mia vita lavorativa nel mio consueto e noioso modo, mi spronò ad osare, a lavorare in una startup nascente, a inventare cose nuove, a farne io stesso di mai fatte prima. Ad essere me stesso, col suo “futtittinni” come risposta alle mie preoccupazioni.

Non ci siamo arricchiti di denaro, ma cinque anni fa eravamo persone diverse, persone belle a modo nostro, ora siamo persone meravigliose.

Sopratutto lei.

Cinque anni fa le cose erano molto diverse, l’AI era una frontiera del Far West, oggi è democraticizzata, con i pregi e i difetti della cosa, le aziende che lavoravano in Full remote working, si contavano sulle dita di una mano. Oggi, per fortuna o purtroppo, sono la maggioranza.

In questi cinque anni sono diventato esperto di cose che mi erano del tutto ignote: ho imparato a trattare le persone come tali, a gestire un team basandomi sull’umanità e non su un freddo elenco di task e scadenze.

Ho imparato che dando tutto me stesso, vengo ricambiato.

Oggi è il nostro quinto anniversario, ed è anche il quinto anno della mia rinascita.

Grazie Antonella.

Lascia un commento