pexels-photo-9372666

Robotica ed espressioni

Oggi ho avuto una discussione interessante in un post sui social riguardo alla capacità di un robot di mostrare espressioni complesse.

Interessante finché il mio interlocutore non mi ha accusato di abilismo perché ho sostenuto che i dataset emozionali sono “standard” e quindi tendono a codificare le emozioni come quelle dei soggetti statisticamente più presenti.

Lasciando perdere la singolarità dell’accusa, torniamo alla realtà e vediamo il video e qualche idea in merito.

Il robot Ameca

L’articolo collegato al video, di Futurismo, NEW VIDEO SHOWS ROBOT WITH TERRIFYINGLY REALISTIC FACIAL EXPRESSIONS parla più del lato sensazionalistico della faccenda: ci sono implicazioni etiche e tecnologiche da considerare, ovviamente.

Le implicazioni etiche si fa presto a vederle: un robot del genere potrebbe simulare una relazione empatica, ingannando un interlocutore particolarmente influenzabile.

Non essendo un maestro di etica però mi interesso maggiormente a quelle tecnologiche. Il robot attualmente è decisamente telecomandato nelle sue azioni emotive, un po’ come i vecchi Animatronics dei film di Hollywood. Renderlo emozionalmente più indipendente è senz’altro possibile, con un database di tratti emozionali che possono collaborare in risposta ad una AI che può riconoscere le emozioni altrui, creando una empatia a specchio per esempio.

Il robot potrebbe perfino imparare autonomamente a rendere le proprie espressioni più efficienti, sulla base delle emozioni che suscita nel prossimo. C’è il rischio di sindrome da giullare, ma penso si possa provare.

Al momento questo androide non cammina: questo ne riduce a esperimento le funzioni empatiche, penso comunque che sia una questione presto risolvibile.

Sarei curioso di sperimentare una variante “live” dei colloqui di lavoro della mia applicazione portabandiera di Algojob: https://algointerview.it con un HR Robot seduto in ufficio.

Ovviamente per il momento non fa parte del core business.

E voi, che applicazioni vedete nell’empatia con i robot?

Lascia un commento