pexels-photo-8117226

La pigrizia

Ho spesso elogiato la pigrizia: il programmatore pigro è una risorsa insostituibile. Il suo codice è essenziale, stringato, privo non solo di bug, ma della possibilità, dell’idea del bug.

I bug rappresentano un lavoro faticoso, che il developer pigro evita ad ogni costo.

Purtroppo anche la pigrizia non è priva di sfumature ed alcune sue manifestazioni sono davvero dannose.

Tra le pigrizie tossiche annovero tutte le turbe psichiche che ci rallentano o fermano sul lavoro.

La stanchezza.

Essere stanchi è normale, però per esserlo occorre aver compiuto degli sforzi precedentemente. Se questo non è accaduto, chiedetevi se per caso vi siete detti di essere stanchi.

Il cervello è molto indulgente nei vostri confronti, se vi dite stanchi, ci crederà e vi mostrerà tutti i sintomi della vostra stanchezza. Sarete distrutti dopo breve tempo.

Concentratevi sui fatti e trovate in voi stessi le energie che vi mancano. Ci sono: scavate bene.

Non so farlo o non posso farlo.

Autocommiserarsi, dandosi degli incapaci, è un modo molto efficiente per evitare il lavoro.

Anche lì ci si blocca da soli, la soluzione è semplice: iniziate a fare quello che dovete fare. Vi accorgerete che non era poi così impossibile e che di modi di farlo ne conoscete tanti.

Ricordatevi chi siete e quante sfide avete affrontato con successo in passato: potete farcela ancora.

Devo studiare per farlo. Sono troppo vecchio.

Lo studio vi accompagnerà fino alla tomba, se non vi fosse piaciuto non stareste qui: lavorereste a qualcosa di immutato nel tempo.

Programmare è uno studio continuo: nulla sta mai fermo. Non sarete mai troppo vecchi per cambiare questo fatto. Fatevene una ragione e studiate. Oltretutto avete fatto tanta esperienza con lo studio e siete diventati molto veloci. La vostra rapidità ed efficienza vi stupirà.

Non sono capace.

Sulla La sindrome dell’impostore ho già scritto un intero articolo. Anche essa può essere rivolta a vostro vantaggio ogni tanto. Non ve ne libererete mai, ma potete gestirla.

E voi, che tipo di pigrizia affrontate ogni giorno?

Lascia un commento