robonaut-machines-dexterous-humanoid-39644

I developer non saranno mai sostituiti da macchine.

Il postulato sopra è una specie di dogma degli sviluppatori: siamo convinti di essere i portatori della sacra parola del codice, e di essere pertanto insostituibili: ma è davvero così?

Nella preistoria, il 28 Novembre 2016, scrivevo su facebook:

Consultando migliaia di commenti sull’Intelligenza Artificiale prossima ventura, noto un atteggiamento di “intoccabilità” dei colleghi developer, sicuri al 100% di essere loro i fautori del futuro prossimo venturo e di essere indispensabili: “una macchina non ci può sostituire” pensano.
A me non sembra così inaudito che una AI riesca a programmare un computer da sola, anzi si tratta in pratica di un dialogo tra componenti della stessa specie: potrebbe in un certo senso essere una cosa complessa ma naturale, come per noi è imparare a camminare o a allacciarci le scarpe.
Non solo: proprio per questa maggior facilità di comprensione le AI potrebbero creare codice migliore di quello umano e in linguaggi che agli esseri umani saranno incomprensibili: sarà difficile anche capire l’onestà degli intenti.
Voi che ne pensate? Meglio iniziare a curare anche il proprio orto?

Ricardo Antonio Piana, Post su facebook, 2016
Leggi tutto
pexels-photo-3389528

La curiosità

Quando mi chiedono come mai faccio tante cose, come trovo la voglia, la motivazione, elogio sempre la curiosità.

La curiosità è quella che ci ha fatto scendere dagli alberi e accendere il fuoco, è quella che ha fatto inventare la ruota e scoprire l’energia nucleare.

Una delle caratteristiche che più apprezzo in una persona è la curiosità: uno sviluppatore può essere senior o in erba, ma se ha la curiosità è un vincente.

Leggi tutto