pexels-photo-6780361

Darwin day

L’evoluzione umana pare essersi rallentata da quando l’uomo, privo di predatori naturali, ha creato una civiltà predominante sul pianeta.

Scenari degni del film Idiocracy non sembrano poi così improbabili.

Ho già accennato all’argomento parlando di Emergenza culturale: se pensate che io esageri in merito, guardate la classifica dei Darwin Awards sul sito di riferimento https://darwinawards.com

Il film Don’t look up, opera modesta ma da alcuni osannata, è praticamente un documentario dei giorni nostri, sostituite pandemia a asteroide e riflettete.

Occorre quindi trovare un rimedio affinché la popolazione ricominci a pensare, a imparare a determinare la logica delle cose, ad educarsi al ragionamento.

Bisogna migliorare la scuola, direte voi. Vero. Però se una delle ragioni dell’idiocrazia è la facilità con cui la tecnologia ci riempie le teste, va cercata anche una soluzione tecnologica.

Penso per esempio a quanto fosse molto più complicata la mia vita tecnologica anni fa, quando per ascoltare musica, fare fotografie, scrivere, girare video, registrare audio, servivano cinque dispositivi diversi, ognuno col proprio funzionamento e regole.

Oggi un device fa tutto e con un’interfaccia a prova di idiota. Bene. Benissimo. Abbiamo fatto dei passi avanti giganteschi. Ma a forza di fare le cose a prova d’idiota, non saranno mancati degli stimoli a chi non si è mai dovuto complicare la vita?

Immagino un cubo di rubik tradizionale, poi uno a 4 elementi per faccia, poi uno non manipolabile. L’ultimo ha l’interfaccia migliore, il risultato è già servito, ma non occorre pensare a niente per risolverlo: funziona e basta.

Occorre quindi dotare l’uomo tecnologico di nuovi motivi di curiosità, di nuove sfide da risolvere, di nuovi ragionamenti da affrontare, per evitare l’olio cognitivo.

Il metaverso prossimo venturo potrebbe introdurre simili sfide, portando per esempio l’uomo digitale in epoche diverse con problemi diversi.

Questo genere di metaverso però avvalora alcune mie tesi in proposito già scritte:

Un metaverso libero e distribuito

Il metaverso va bene: ma non con meta.

La sfida quindi è migliorare la mente umana e far risalire il QI mondiale che pare essere in calo.

Evitiamo idiocracy e portiamo l’umanità al livello successivo.

One thought on “Darwin day

Lascia un commento